HAMMAMET di Massimiliano Perrotta

Premio Giacomo Matteotti della Presidenza del Consiglio dei Ministri

VII edizione - 2011

 

 

 

Annuncio ufficiale sul sito del Governo Italiano (www.governo.it) - 15 settembre 2011

Premio Giacomo Matteotti, VII edizione

 

Si sono conclusi i lavori della Commissione giudicatrice per la designazione dei vincitori della settima edizione del Premio Giacomo Matteotti, organizzato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il Premio viene assegnato annualmente a lavori che illustrano quegli ideali di fratellanza tra i popoli, di libertà e di giustizia sociale che hanno ispirato la vita di Matteotti. Il Premio è suddiviso nelle sezioni saggistica, opere letterarie e teatrali e tesi di laurea.

La Commissione della settima edizione è composta dal Segretario generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Manlio Strano, e da Antonio Cardini, Stefano Caretti, Maurizio Degl’Innocenti, Ugo Finetti, Francesco Perfetti e Angelo G. Sabatini.

Nella sezione Saggistica il Premio è stato assegnato a Luigi Compagna, autore del libro Theodor Herzl. Il Mazzini d’Israele, edito da Rubbettino. Nell’ambito della sezione Saggistica la Commissione ha assegnato una menzione ai seguenti lavori, sui quali l’attenzione dei componenti si è particolarmente concentrata: Sandro Pertini. Dalla nascita alla resistenza, di Andrea Gandolfo, pubblicato da Aracne, e Costituenti ombra. Altri luoghi e altre figure della cultura politica italiana (1943-48) a cura di Andrea Buratti e Marco Fioravanti, edito da Carocci.

Nella sezione Opere letterarie e teatrali il Premio è stato assegnato ex aequo a due lavori teatrali: La Merlin, di Maricla Boggio e Hammamet, di Massimiliano Perrotta.

Nella sezione tesi di laurea il Premio è stato assegnato a Luigi Ferrando, per la sua tesi in Storia del giornalismo (facoltà di lettere e filosofia dell’Università di Torino): Giacomo Matteotti: cronaca di una morte annunciata.

La cerimonia di premiazione si svolgerà il prossimo 5 ottobre alle ore 13 nella sala Stampa di Palazzo Chigi. Il Premio sarà consegnato dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, dott. Gianni Letta.

 

 

 Motivazione della giuria

 

"Hammamet" è un testo teatrale scritto e messo in scena da Massimiliano Perrotta che vede protagonista Bettino Craxi nel suo periodo di esilio in Hammamet. E’ una sorta di monologo, riflessione e confessione attraverso cui il personaggio esprime lo stato d’animo di un uomo costretto a vivere lontano dal Paese per il quale aveva operato assiduamente per portarlo ad un livello di alta modernizzazione e che si vede costretto ad un esilio dominato dall’ostinato bisogno di capire il paradosso di una condanna che avrebbe dovuto essere il sacrificio a lui richiesto per la moralizzazione della vita pubblica e che invece si è rivelato un semplice accanimento giustizialista che ha fatto di lui la semplice vittima sacrificale in un Paese ancora dominato dalla corruzione. C’è un Craxi che non accusa, non difende, non giudica, non odia, ma, chiuso in sé, vuole capire una condanna ai suoi occhi iniqua. L’autore con stile asciutto conduce la narrazione con ritmo intenso fornendoci l’immagine umana di un personaggio che si esime di condannare o assolvere preferendo la ricostruzione psicologica di un dramma interiore che riscatta l’immagine di un leader politico non sempre amato dall’opinione pubblica. L’opera messa in scena, con la partecipazione di un ottimo attore che è riuscito a identificarsi intensamente con il personaggio, ci ha offerto un autore degno di un riconoscimento che la Commissione non gli ha lesinato assegnandogli ex aequo il Premio per la Sezione opere letterarie e teatrali.

 

 

                           

  

            

 

 

HOME